Bisceglie, venerdì 24 novembre 2017
HOME PAGE
MAPPA SITO
CONTATTI
MAILING LIST
CITTA E INFORMAZIONE
SCHEDA CITTA'
STORIA DI BISCEGLIE
INSEDIAMENTI PREISTORICI
INSEDIAMENTI STORICI
I TRE SANTI DI BISCEGLIE
TRASPORTI E VIABILITA'
APPUNTAMENTI A BISCEGLIE
BISCEGLIE INFORMA
MARE E SPIAGGE
CONFCOMMERCIO NUOVO!
ATTIVITA' COMMERCIALI
GASTRONOMIA
TURISMO E ITINERARI
RAGGIUNGERE BISCEGLIE
DORMIRE E MANGIARE
INFO MUSEI
SCHEDE TURISTICHE
I DOLMEN
I PALAZZI STORICI
LE GROTTE
LE CHIESE
I CASALI
IL PORTO
MARE E SPIAGGE
FOLKLORE
GALLERIA MULTIMEDIALE
GALLERIA FOTOGRAFICA
PANORAMI 360°
WEB TELEVISION
COMMUNITY DI BISCEGLIE
LA VOCE DEL CITTADINO
CARTOLINE ELETTRONICHE
SFONDI PER DESKTOP
ANNUNCI COMPRO - VENDO
SHOPPING E VETRINE
VETRINE COMMERCIALI
TUTTE LE VETRINE ONLINE
LA TUA AZIENDA
 
""
INSEDIAMENTI STORICI A BISCEGLIE
I CASALI NEL TERRITORIO BISCEGLIESE
I CASALI
Durante l'impero romano cominciarono a formarsi sul territorio, ed in concomitanza ai centri urbani, piccoli insediamenti, i così detti Casali, costituiti da una grande casa fortificata e cinta di mura, da uno o più cortili in cui si svolgeva la vita quotidiana, ed in seguito con l'avvento del cristianesimo da una cappella e dal cimitero annesso.
Nove furono secondo la tradizione i casali della zona; GIANO, PACCIANO, SAGINA, ZAPPINO, GIRIGNANO, SALANDRO, S.STEFANO, S.ANDREA.

Costruiti in epoche diverse, furono facile preda dei saccheggi dei Saraceni e vennero definitavamente abbandonati verso la fine del XI secolo.

Oggi sono ancora vive le tracce di vita passata, ne presentiamo alcuni:
APPROFONDIMENTI: SCHEDE TURISTICHE
CASALE DI GIANO
CASALE DI PACCIANO
CASALE DI SAGINA
CASALE DI ZAPPINO
CASALE DI SAN NICOLA
CASALE DI GIANO
Situato sulla via per Andria al confine con il territorio di Trani, era un Casale in cui si venerava un dio pagano,Giano .
Dell'antico casale resta ben poco, è possibile ammirarne solo il tempietto ad architettura romanico, a pianta rettangolare con abside semicircolare e cupola centrale, e con abbozzo di transetto costituito da due nicchie.
La costruzione in pietra locale lavorata quasi senza malta poggia sulle rovine di un tempietto pagano.
Con l'avvento del cristianesimo , venne soppresso il culto pagano e divenne protettrice del casale Santa Maria di Giano .
All'interno vi sono affreschi raffiguranti la morte di Maria, San Nicola Pellegrino e San Giacomo.
Vi si trova anche un altare detto di San Lorenzo sotto cui vennero trovate degli assi romani(monete) e dove nel 1182 venne deposto il braccio di Santo Stefano che si conservava nel monastero di Colonna a Trani, oggi conservato in Cattedrale.
Fino a non molto tempo fa i biscegliesi vi si recavano in pellegrinaggio tra la Pasqua e la Pentecoste, per fare suppliche in tempo di siccità.

CASALE DI PACCIANO
Situato sulla via per Corato, originariamente era in territorio di Trani sotto la giurisdizione di Canosa .
Il più antico documento riguardante il casale di Pacciano è l'atto di concessione al monastero di S.Sofia nel 789 d.c., protettore del casale era S.Giovanni Evangelista il cui culto venne trasferito nella chiesa di S.Adoeno.
All'interno del cortile sono visibili la torre, dei vani ad uso abitativo, un locale per il ricovero degli animali, un vano interrato forse adibito a magazzino per derrate alimentari, e la chiesetta d'Ognissanti.
Quest'ultima gioiello architettonico, è costituita da navata unica con volte a botte e cupola centrale.
Sulle pareti si aprono delle nicchie a fondo piano con funzione di ampliare lo spazio interno e su cui scarica la volta a botte.
A poca distanza sorge un'altra chiesetta denominata S.Angelo, datata approssimativamente XI sec.
Ora si pone un quesito, poiché il casale si spopolò nel 1074 perché la costruzione di una nuova chiesa? Rispondiamo supponendo che o la costruzione della chiesa è antecedente all'XI sec. O che il casale si sia spopolato lentamente.
Certamente l'estensione di Pacciano doveva essere molto più ampia di quella che oggi la recinzione denomina per avere due chiese, Ognissanti e S.Angelo
La torre ,elemento di vitale importanza per i casali, e a pianta rettangolare e presenta più livelli, il piano terra ed il primo piano hanno copertura a botte e si presuppone l'esistenza di un altro piano data dalla presenza sulla volta del primo piano di un'apertura utilizzata come botola.

CASALE DI SAGINA
Il termine deriva da sagina, pianta per il foraggio di cui la zona era molto ricca.
Qui nel 1167 vennero ritrovate le ossa dei S.S. Sergio, Mauro e Pantaleone tra i ruderi di un sepolcro nella villa detta di Tecla.
Su questi ruderi nel 1708 venne costruita l'odierna chiesetta dedicata ai tre santi .
Nei pressi della chiesetta si eleva una torre simbolo del casale ed ad esso appartenuta.
Sulla strada che da Sagina porta a Bisceglie incontriamo una cappella votiva, costruita nel 1933 su un sasso recante l'orma dello zoccolo di un bue.
La leggenda vuole che durante il trasporto delle venerabili reliquie dei Tre Santi in Bisceglie uno dei buoi che tiravano il carro scivolando a causa della pioggia lasciando l'impronda dello zoccolo sul sasso. Detto luogo è ora chiamato la Pedata dei Santi.

CASALE DI ZAPPINO
Situato sulla via per Ruvo, presenta numerose analogie con il casale di Giano.
Anche qui la chiesa presenta pilastri laterali addossati alle mura perimetrali su cui scarica la volta a botte .
La chiesa costruita intorno all'anno 1000 è stata rimaneggiata nel corso degli anni, infatti sulla facciata si legge la vecchia altezza ed il campanile a vela è stato inglobato nella muratura e che il portale ad est di stile neoclassico è stato inserito successivamente.
Nella parte absidale sono visibili resti di affreschi i quali probabilmente dovevano coprire tutte le pareti della chiesetta come era usanza del tempo per i santuari più importanti ma che l'incuria degli uomini ha cancellato per sempre.
La torre a pianta quadrata su più livelli era adibita in parte a ricovero per animali ed in parte utilizzata come abitazione vista la presenza dei caminetti.
A circa 300 metri si trova una seconda torre sempre a pianta quadrata, ma di dubbia epoca, perché non si è certi se coeva e facente parte del casale o postuma e facente parte delle numerose torri isolate sparse per l'agro.
Si presenta ricca di finestre, nicchie ed altri elementi decorativi, sulle facciate, tra cui un elemento sporgente a sezione circolare poggiante su rudimentali mensole.
In cima alla torre vi è un campanile a vela simile a quello inglobato nella muratura della chiesa.
Protettrice di Zappino era una Madonna nera con poteri miracolosi per la pioggia.
Ancora oggi si festeggia la fiera di Zappino nella domenica in albis, ed è una occasione per rivivere l'atmosfera di vita comunitaria del casale.


CASALE DI SAN NICOLA
Situato in vicinanza della costa in prossimità della strada interna per Molfetta, si presenta con delimitazioni precise e risulta il meglio conservato tra i casali.
E' costituito da un cortile a pianta rettangolare cinto da muratura fortificata su due lati contigui, e da due lunghi ambienti coperti con volta a botte sugli altri due lati, da due torri poste su due angoli diametralmente opposti, e da una chiesetta attigua ad una delle torri.
Questa costruzione doveva essere il centro dell'intero casale, oltre che a luogo di preghiera e di riunione nelle ore di riposo, era forse adibito a magazzino per i prodotti della terra ed a stalle per il bestiame.
Il portale che si apre nella cinta muraria in direzione della città, presenta tracce di architettura araba con capitelli lavorati ed arco a sesto acuto,
Data la lavorazione dei conci finemente lavorati, con i quali è costruito, risulta essere di epoca diversa da quella del restante muro in cui è inserito.
La chiesetta a pianta rettangolare con volte a botte, presenta un accenno di abside semicircolare non visibile dall'esterno perché contenuto nello spessore del muro.
In essa si accede attraverso una porta aperta sul lato esterno su cui sono presenti due monofore con archetto a tutto sesto, l'ingresso originario era dall'interno del cortile attraverso un vano ancora oggi visibile.
Altro elemento caratteristico del casale San Nicola, è la torre situata a circa 300 metri ad est
chiamata Torre Longa .
A pianta circolare all'esterno si presenta con due livelli e con scala interna contenuta nello spessore della muratura, il livello a piano terra è a pianta circolare anche all'interno mentre il secondo livello è a pianta ottagonale entrambi hanno copertura a cupola.
Sia il casale che torre Longa sono oggi adibiti a depositi agricoli.

QUESTO DOCUMENTO E' COLLEGATO CON:
INSEDIAMENTI PREISTORICI A BISCEGLIE: I DOLMEN E LE GROTTE
Vai a:
INFORMAZIONI CORRELATE:
LA SCHEDA DELLA CITTA': INFORMAZIONI GEOGRAFICHE E STORICHE - LO STEMMA DELLA CITTA'
INSEDIAMENTI PREISTORICI: I DOLMEN E LE GROTTE
LA STORIA DI BISCEGLIE
SCHEDE TURISTICHE: INFORMAZIONI STORICHE E TURISTICHE SU PALAZZI, CHIESE E CASALI.
FOLKLORE