Bisceglie, venerdì 24 novembre 2017
HOME PAGE
MAPPA SITO
CONTATTI
MAILING LIST
CITTA E INFORMAZIONE
SCHEDA CITTA'
STORIA DI BISCEGLIE
INSEDIAMENTI PREISTORICI
INSEDIAMENTI STORICI
I TRE SANTI DI BISCEGLIE
TRASPORTI E VIABILITA'
APPUNTAMENTI A BISCEGLIE
BISCEGLIE INFORMA
MARE E SPIAGGE
CONFCOMMERCIO NUOVO!
ATTIVITA' COMMERCIALI
GASTRONOMIA
TURISMO E ITINERARI
RAGGIUNGERE BISCEGLIE
DORMIRE E MANGIARE
INFO MUSEI
SCHEDE TURISTICHE
I DOLMEN
I PALAZZI STORICI
LE GROTTE
LE CHIESE
I CASALI
IL PORTO
MARE E SPIAGGE
FOLKLORE
GALLERIA MULTIMEDIALE
GALLERIA FOTOGRAFICA
PANORAMI 360°
WEB TELEVISION
COMMUNITY DI BISCEGLIE
LA VOCE DEL CITTADINO
CARTOLINE ELETTRONICHE
SFONDI PER DESKTOP
ANNUNCI COMPRO - VENDO
SHOPPING E VETRINE
VETRINE COMMERCIALI
TUTTE LE VETRINE ONLINE
LA TUA AZIENDA
 
""
I TRE SANTI DI BISCEGLIE
LA STORA DEI SANTI PROTETTORI DI BISCEGLIE
Nell'anno 51 d.C. un certo Mauro da Betlemme appena consacrato vescovo da San Pietro, venne in Puglia a predicare ed a manifestare la nuova fede.
A Bisceglie venne ascoltato in una delle sue omelie, anche da due cavalieri romani al servizio dell'imperatore Traiano, Sergio governatore della città e Pantaleone comandante delle guardie.
I due rimasero cosi affascinati dalle parole del vescovo Mauro, che si convertirono al cristianesimo e divennero diretti collaboratori dello stesso.

Il proconsole romano di Venosa, venuto a conoscenza dell'accaduto, ordinò la cattura del vescovo e dei due cavalieri i quali vennero gettati in una misera prigione e dopo 10 anni condannati a morte.
Le sentenze vennero eseguite a Bisceglie il 27 Luglio del 117.
Le sofferenze che il martirio procurò ai tre furono atroci, Sergio venne scarnificato vivo e dopo ucciso con un colpo di spada, Pantaleone venne crocifisso e dopo finito anch'esso con un colpo di spada, mentre Mauro venne decapitato.

Dopo il martirio i corpi vennero gettati in pasto alle belve che non li mangiarono anche se affamate, vennero così pietosamente raccolti da una cristiana una certa Tecla de Fabis che li nascose seppellendoli in Sagina dove fece costruire un sepolcro ed un piccolo altare dedicato a Sergio del quale si suppone fosse parente.
Con la venuta dei Turchi e le varie scorribande, tutta Sagina , come altri casali, venne distrutta, i casalini lasciarono il casale per rifugiarsi in Vescegghie e tutto venne abbandonato.
Dopo 11 secoli i resti dei tre martiri vennero ritrovate dietro indicazioni di sogni premonitori fatti da Adeodonato, Dionigi, e Gualtiero quest'ultimo custode della chiesa di San Giovanni in Sagina.
Dopo lo scavo ed il ritrovamento, avvenuto il 10 Maggio 1167, le ossa vennero accuratamente ripulite e collocate nella chiesetta di San Giovanni.
Sparsasi la notizia del ritrovamento, una moltitudine di fedeli giunse in Sagina a pregare i tre Santi.
Favoloso era il colore che le ossa dei martiri assunsero; quelle di Mauro apparivano candide come la neve, quelle di Sergio dorate e quelli di Pantaleone di un rosso fuoco.
I prodigi ed i miracoli cominciarono a moltiplicarsi, e folli sempre più grandi accorrevano a chiedere l'intercessione dei santi.

Si ritenne opportuno in quella circostanza, trasferire le sacre reliquie in un luogo più sicuro.
Venne così organizzata una processione, e le ossa trasportate a spalla dai sacerdoti e tra due ali di popolo festante ed esultante furono portate nella chiesa di San Fortunato in Bisceglie.
Si racconta che quel giorno pioveva a dirotto ma che non una sola goccia bagnò l'urna dei santi ed i partecipanti al corteo.

Giunti nella chiesa di San Fortunato, un osso di San Sergio cominciò a trasudare olio ed ha emanare un intenso profumo che riempì l'intera zona.
Trascorso qualche tempo, e per paura che qualcuno potesse rubare qualche reliquia, si decise traslocare i sacri resti nella cripta della cattedrale appena terminata.
Qui vennero depositati in tre urne di pietra lavorata e deposti sotto tre altari fastosamente adornati.
San Pantaleone rappresentante dell'autorità imperiale venne collocato al centro, San Mauro alla sua destra e san Sergio alla sinistra.
Bisceglie ebbe così i nuovi protettori, al posto di Sant'Antonio Abate, ed ogni anno il 30 Luglio, giorno della traslazione li celebra con grande solennità.

INFORMAZIONI CORRELATE:
LA SCHEDA DELLA CITTA': INFORMAZIONI GEOGRAFICHE E STORICHE - LO STEMMA DELLA CITTA'
LA STORIA DI BISCEGLIE
INSEDIAMENTI PREISTORICI: I DOLMEN E LE GROTTE
INSEDIAMENTI STORICI: I CASALI
FOLKLORE